Strange Art
Il lato insolito dell'arte
Caravaggio e l’arte del cavadenti
  • Sharebar

caravaggio-il-cavadenti

Il “Cavadenti” è uno dei dipinti più anomali di Caravaggio (del quale avevo già parlato a proposito del brutto carattere) nel senso che rappresenta una scena di vita quotidiana, la cosiddetta pittura di genere che cominciò ad affermarsi nel ’600 in particolare fra gli artisti olandesi.

La rappresentazione realistica tipica delle opere di Caravaggio in questo caso viene mescolata con l’effetto caricaturale della scena. Sembra di assistere ad una scena di teatro comico con attori dal marcato aspetto macchiettistico. Basta guardare il viso del cavadenti contratto in una smorfia assolutamente comica che mostra il pieno dello sforzo, o il gruppo di curiosi che assistono a quello che all’epoca rappresentava una forma di intrattenimento.

Chi guarda con aria stralunata, chi è intimorito, chi è assorto nella contemplazione. Non manca ovviamente un bambino, categoria curiosa per eccellenza. All’epoca momenti come questo rappresentavano una forma di svago, un’occasione di intrattenimento e le persone avevano una forte consuetudine, ben diversa dalla nostra,con il sangue e con episodi cruenti o digustosi, anche molto più di questo.

Non va dimenticato infine il poveraccio che si sottopone a questa specie di tortura. L’artista ha sintetizzato il culmine della scena nella mano aperta e tesa come per scaricare il dolore lancinante (così come l’altra mano afferra con forza il bracciolo della sedia), che viene illuminata da una luce forte e radente, luce che di solito Caravaggio riservava per sottolineare aspetti più “alti”: visi di santi, la figura di Cristo o di qualche protagonista della storia sacra.

L’ultimo sguardo va al tavolo dove si trovano gli oggetti tipici del “dentista” dalla brocca d’acqua all’ampolla d’aceto per disinfettare dopo l’intervento.
Immagine ingrandita


Articoli correlati:

Commenti

Powered by Facebook Comments

Tags: , , , ,

2 Comments to “Caravaggio e l’arte del cavadenti”

  1. This paint is rapresentative of the most wonderfull 600′s art!

Leave a Reply