Strange Art
Il lato insolito dell'arte
La resa di Breda di Diego Velazquez
  • Sharebar

Con la “Resa di Breda” Diego Velazquez illustra il momento della pace tra le armate spagnole e quelle olandesi: l’immagine si riferisce ad un episodio della guerra d’indipendenza dei Paesi Bassi, ovvero quando la città olandese di Breda si arrese agli spagnoli dopo un lungo assedio.

Al centro del dipinto il comandante degli olandesi Giustino di Nassau (quello di sinistra), consegna ad Ambrogio Spinola, comandante degli spagnoli, le chiavi della città in segno di resa. I due si trattano in modo cordiale, il primo ha un atteggiamento deferente, il secondo amichevole, in evidente contrasto con la violenza della battaglia che si è da poco conclusa e le cui tracce sono ancora ben evidenti nello sfondo con la città in fiamme e con qua e là qualche pennacchio di fumo dei cannoni.

I gruppi di soldati alle spalle dei due comandanti sono ben diversi tra loro. Dai visi di alcuni soldati si potrebbe capire chiaramente chi ha vinto anche senza conoscere tutta la storia. Per esempio l’olandese a sinistra guarda verso di noi con un misto di preoccupazione, stanchezza, rassegnazione.

Dall’altro lato gli fa da contraltare un soldato spagnolo che sorride, ed un altro più indietro con uno sguardo pieno di orgoglio per la vittoria. Ma di tutte le parti del quadro a mio giudizio quella che fa davvero la differenza sono le lance (non a caso il dipinto è conosciuto anche con questo titolo, le lance appunto).

Dalla parte degli spagnoli c’è una vera e propria “foresta” di picche innalzate in verticale, quasi come dei soldati sull’attenti: sono un segno di energia, forza, compattezza.

Il contrasto con gli olandesi è evidente, visto che hanno solo qualche lancia e qualche alabarda: armi terribili che però sembrano quasi giocattoli in confronto con la selva di picche spagnole. In questo modo il pittore oltre a rappresentare l’episodio storico e celebrare la vittoria della Spagna (il quadro risale a circa 10 anni dopo rispetto all’evento) coglie l’occasione per esaltare la potenza delle truppe spagnole, i famosi e temuti Tercios, considerati all’epoca praticamente invincibili.

Concludo con una curiosità: nel film “Il destino di un guerriero” con Viggo Mortensen si parla tra le altre cose anche di questo episodio e il regista immortala il momento della resa della città rifacendosi al quadro di Diego Velazquez (nel video qui sotto il momento esatto è al minuto 10:55).


Articoli correlati:

Commenti

Powered by Facebook Comments

Tags: , , , , , ,

1 Comment to “La resa di Breda di Diego Velazquez”

Leave a Reply