Strange Art
Il lato insolito dell'arte
Il Bacio di Francesco Hayez: analisi in video
  • Sharebar

Il Bacio di Francesco Hayez è una delle immagini più famose della pittura italiana di tutti i tempi, la sua fortuna si deve sia all’immediatezza della composizione, sia per il fatto che è stata citata più volte da artisti, registi e pubblicitari.

In realtà il messaggio implicito contenuto nel “Bacio” non riguarda soltanto la rappresentazione dell’amore tra un uomo e una donna, quello anzi è quasi un pretesto o comunque un primo livello di lettura, mentre il riferimento è piuttosto di tipo patriottico.

Bisogna considerare infatti che è stato dipinto nel 1859, in pieno Risorgimento, perciò il Bacio va interpretato come la raffigurazione di un addio, del saluto di un soldato, di un patriota che parte e va a combattere per la libertà dell’Italia.

Buona visione e non dimenticare di dare un’occhiata anche ai miei ebook.

 

Trascrizione del video:

Ciao da Michelangelo Moggia, questo è Analizzare un quadro e sto per presentarti “il Bacio” di Francesco Hayez un dipinto famosissimo esposto alla Pinacoteca di Brera a Milano, del quale l’artista ha dipinto diverse versioni.

Il quadro ebbe un grande successo già all’epoca un cui venne realizzato ed è una delle opere più famose della pittura italiana di tutte le epoche.

L’immagine è chiara, semplice ed immediata: una coppia che si bacia con trasporto. Ci sono però, come spesso accade, diversi livelli di lettura.

Il più immediato è quello, passami il termine, sentimentale: la raffigurazione di un bacio appassionato e sensuale. I volti dei due protagonisti si intravedono appena e questo elimina una possibile distrazione e concentra l’attenzione sull’azione dei due amanti.

L’uomo ha un ruolo attivo, con le sue mani trattiene la testa della donna che si abbandona all’impeto dell’amato e si lascia condurre. Ha un piede posato sullo scalino, è vestito di tutto punto ed ha un coltello in vita come se fosse pronto a partire o a scappare. Tutto questo accentua la drammaticità del bacio e fa pensare ad una separazione, forse ad un addio, non ad un semplice saluto.

Come se non bastasse sullo sfondo a sinistra si vede una sagoma scura sulle scale, il che crea una situazione di tensione, di urgenza. E’ probabile che i due si siano visti in segreto e rischino da un momento all’altro di essere scoperti. L’ambientazione medievale, tanto in voga all’epoca romantica di Hayez, arricchisce di mistero tutta la scena.

L’immagine, felicissima nella sua inventiva, è stata fonte di ispirazione per molti film, immagini, poster. Sembra che anche la prima immagine dei Baci Perugina, con i due amanti che si baciano, sia frutto di una rielaborazione del Bacio di Hayez.

Ma esiste anche un precedente al quale Hayez si è certamente ispirato: un quadro dipinto dall’artista 25 anni prima: l’ultimo bacio di Romeo e Giulietta. Come vedi l’impostazione delle figure è simile, anche se il Bacio nella sua semplicità e sobrietà è molto più forte come immagine.

Come accennavo prima però ci sono altri livelli di lettura. Per comprenderli bisogna fare una piccola introduzione storica: il quadro è del 1859, siamo in pieno Risorgimento, all’epoca della Seconda guerra d’Indipendenza che vide l’alleanza tra il regno di Sardegna di Vittorio Emanuele II e Cavour con la Francia di Napoleone III per strappare agli austriaci la Lombardia e il Veneto.

L’artista quindi, utilizza questa ambientazione medievale per fare invece riferimento a fatti del suo tempo. Non era la prima volta che questo accadeva. Perciò posso interpretare l’immagine del Bacio come quella di un patriota pronto a partire, vedi il piede sullo scalino, per la battaglia o magari per l’esilio, che saluta un’ultima volta la sua amata.

Infine, l’ultimo livello di lettura, celebra l’alleanza tra Francia e Italia, quindi l’abbraccio e il bacio tra i due personaggi rappresenta l’alleanza di due stati, di due popoli.

Non a caso i due personaggi nei loro vestiti riecheggiano i colori della bandiera italiana e di quella francese: il bianco della veste, il rosso della calzamaglia, il verde del mantello e della veste dell’uomo e il blu nella parte bassa del vestito della donna.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora guarda anche i miei ebook

 

 


Articoli correlati:

Commenti

Powered by Facebook Comments

Tags: , , , ,

1 Comment to “Il Bacio di Francesco Hayez: analisi in video”

  1. [...] proiettano la scena in una dimensione fuori dal tempo, a differenza ad esempio di un altro celebre Bacio, quello di Francesco Hayez, che si svolge in un’ambientazione [...]

Leave a Reply